NORMATIVA DI SETTORE

Qui di seguito puoi trovare i link alle normative di maggior rilievo ed interesse relative alla tua fornitura di energia elettrica:

- TIV (Testo Integrato della Vendita)

- TIQV (Testo Integrato della Qualità della Vendita)

- TIC (Testo Integrato della Connessione)

- TIMOE (Testo integrato morosità elettrico):  obblighi di comunicazione in tema di indennizzi automatici. 

- TIBEG (Testo Integrato Bonus Sociale)

 

LIVELLI DI QUALITÀ COMMERCIALE

Ai sensi dell’articolo 37 del TIQV, CVA Trading rende noti i propri risultati sul rispetto dei livelli di qualità commerciale stabiliti dalla normativa.

- Rispetto dei livelli di qualità 2018

In base a quanto disposto dall’art.37 del TIQV, gli standard specifici di qualità che il fornitore è tenuto a rispettare dal 1 gennaio 2019 sono indicati nella tabella sottostante:

INDICATORE

STANDARD SPECIFICO

INDENNIZZO AUTOM.

BASE

Risposta motivata

a reclami scritti

di competenza venditore

Max 30 giorni solari

€ 25,00

Rettifica di fatturazione

Max 60 giorni solari

90 giorni solari per fatture con periodicità quadrimestrale

€ 25,00

Rettifica doppia fatturazione

Max 20 giorni solari

€ 25,00

In caso di mancato rispetto dello standard specifico di qualità, il cliente riceverà un indennizzo automatico base pari a 25 Euro, in occasione della prima fatturazione utile. Per prestazioni eseguite oltre un tempo doppio dello standard, sarà corrisposto un indennizzo di 50 Euro; qualora la prestazione avvenga oltre un tempo triplo a quello dello standard, il cliente avrà diritto ad un indennizzo di 75 Euro.

Il Fornitore non sarà tenuto a corrispondere l’indennizzo automatico di cui sopra qualora il mancato rispetto degli standard specifici di qualità sia dovuto a causa di forza maggiore quali atti di autorità pubblica, eventi naturali eccezionali per i quali sia dichiarato lo stato di calamità dall’autorità competente, scioperi indetti senza il preavviso previsto per legge, mancato ottenimento di atti autorizzativi, o per cause imputabili al cliente o a terzi, ovvero danni o impedimenti provocati da terzi. Inoltre il Fornitore non è tenuto alla corresponsione dell’indennizzo automatico nel caso in cui al cliente sia stato già corrisposto l’indennizzo automatico nel medesimo anno solare per mancato rispetto del medesimo standard specifico, in caso di reclami per cui non sia possibile identificare il cliente, per mancanza delle informazioni minime, quali nome e cognome, indirizzo di fornitura, indirizzo postale se diverso da quello di fornitura, o di posta elettronica per l’invio della risposta scritta, il servizio a cui si riferisce il reclamo (nel caso di specie elettrico), il codice alfanumerico identificativo del punto di prelievo dell’energia elettrica (POD), ove disponibile o, qualora non disponibile, il codice cliente, nonché una breve descrizione dei fatti contestati.

Il fornitore è altresì tenuto al rispetto degli standard generali di qualità commerciale, indicati nella tabella sottostante:

INDICATORE

STANDARD GENERALE

Percentuale minima di risposte

a richieste scritte di informazioni inviate

entro il tempo massimo di 30 giorni solari

95%