Jim Probasco ha più di 30 anni di esperienza nella scrittura per i media online, cartacei, radiofonici e televisivi, compresa la PBS. Le sue competenze comprendono i programmi e le politiche governative, la pianificazione pensionistica, le assicurazioni, le finanze familiari, la proprietà della casa e i prestiti. Ha conseguito una laurea presso l’Università dell’Ohio e un master presso la Wright State University in educazione musicale.

Che cos’è l’Emergency Capital Investment Program (ECIP)?

L’Emergency Capital Investment Program (ECIP), istituito dal Consolidated Appropriations Act, 2021, è stato creato per consentire alle istituzioni finanziarie comunitarie a basso e moderato reddito di erogare prestiti a piccole imprese e consumatori.

1 settembre 2021

Termine ultimo per le CDFI e gli MDI per richiedere i finanziamenti ECIP.

L’ECIP ha autorizzato il Dipartimento del Tesoro a fornire fino a 9 miliardi di dollari agli istituti finanziari per lo sviluppo della comunità (CDFI) o agli istituti di deposito per le minoranze (MDI) per prestiti, sovvenzioni e proroghe alle piccole imprese e alle imprese di proprietà di minoranze nelle comunità scarsamente servite colpite dalla pandemia COVID-19. Del totale, 2 miliardi di dollari sono stati accantonati per le CDFI e le MDI con un patrimonio inferiore a 500 milioni di dollari. Altri 2 miliardi di dollari sono stati destinati a CDFI e MDI con attività inferiori a 2 miliardi di dollari.

Aspetti salienti

  • L’ECIP è stato creato per consentire alle istituzioni finanziarie a basso e moderato reddito di fornire prestiti alle piccole imprese nelle comunità meno servite.
  • Il Tesoro è stato designato per fornire fino a 9 miliardi di dollari direttamente alle Community Development Financial Institutions (CDFI) e alle minority depository institutions (MDI).
  • Una revisione dell’8 marzo 2022 dell’ECIP da parte dell’Ufficio dell’ispettore generale del Tesoro ha rilevato che il Tesoro ha compiuto progressi nell’attuazione del programma, ma ha mancato la scadenza prevista dalla legge di oltre un mese.

Ammissibilità all’ECIP

Per essere idoneo all’ECIP, oltre a essere un istituto finanziario certificato per lo sviluppo della comunità (CDFI) o un istituto di deposito di minoranza (MDI), un’entità deve essere:

  • un istituto di deposito assicurato a livello federale, non controllato da una società di partecipazione bancaria (BHC) o da una società di partecipazione di risparmio e prestito (SLHC), anch’essa ammissibile all’ECIP;
  • una BHC;
  • una SLHC; o
  • un’unione di credito assicurata a livello federale.

Se un istituto finanziario non è assicurato a livello federale, non può partecipare all’ECIP. Ciò include le CDFI che non sono istituti bancari, le cooperative con sede a Porto Rico e le cooperative di credito assicurate privatamente.

Domanda di partecipazione all’ECIP

I candidati devono presentare domanda per l’ECIP attraverso un portale online. Il termine ultimo per la presentazione della domanda è il 1° settembre 2021. Per essere idoneo a ricevere un investimento di capitale nell’ambito del Programma, un richiedente deve compilare il modulo di domanda ECIP, dopodiché il Tesoro valuterà la domanda e ne determinerà l’approvazione. Nell’ambito della procedura di richiesta, i richiedenti devono presentare un Piano di prestiti per investimenti di emergenza che:

  • dimostri di aver erogato almeno il 30% dei prestiti negli ultimi due anni fiscali direttamente a mutuatari a basso reddito (LMI), ad altre popolazioni mirate o a una combinazione di entrambi;
  • descriva come la strategia e gli obiettivi operativi del richiedente rispondano alle esigenze di sviluppo della comunità;
  • includa un piano di sensibilizzazione e comunicazione con la comunità; e
  • si impegna ad aderire ai requisiti relativi alle azioni privilegiate e agli altri strumenti finanziari emessi nell’ambito del Programma di cui alla Sezione 104A(b) del Community Development Banking and Financial Institutions Act del 1994.

Esclusioni

Qualsiasi entità per la quale un Proprietario Beneficiario che sia un funzionario governativo detiene direttamente o indirettamente una partecipazione pari o superiore al 20% non è ammissibile per alcun investimento effettuato nell’ambito dell’ECIP. Nell’ambito dell’ECIP, ogni istituto finanziario comunitario a basso e moderato reddito può emettere strumenti finanziari a favore del Tesoro solo per un importo complessivo in conto capitale (o importo comparabile) non superiore a 250.000.000 di dollari.

Gli strumenti finanziari sono inoltre limitati a “non più del 7,5% delle attività totali” per un istituto con attività superiori a 2.000.000.000 di dollari. Il limite è “non più del 15% del totale delle attività” per un istituto con attività non inferiori a $500.000.000 e non superiori a $2.000.000.000 e non più del 22,5% del totale delle attività per un istituto con attività inferiori a $500.000.000.

Limiti di investimento e cessazione

Nell’ambito degli investimenti del Programma, il Tesoro può mettere a disposizione degli istituti idonei con un patrimonio totale non superiore a $2.000.000.000 che richiedano tempestivamente di ricevere un investimento di capitale nell’ambito del Programma non meno di $2.000.000.000, di cui non meno di $2.000.000.000 possono essere messi a disposizione degli istituti idonei con un patrimonio totale inferiore a $500.000.000 che richiedano tempestivamente di ricevere un investimento di capitale nell’ambito del Programma. Il programma terminerà sei mesi dopo che il Presidente avrà dichiarato la fine dell’emergenza nazionale relativa alla pandemia COVID-19, come previsto dal National Emergencies Act.

L’ECIP fino ad oggi

Sebbene il Programma di investimento di capitale d’emergenza (ECIP) sia chiuso alle nuove domande dal 1° settembre 2021, il programma continua a erogare fondi secondo le linee guida fornite dal Consolidated Appropriations Act, 2021. Una verifica dell’8 marzo 2022 del programma da parte dell’Ufficio dell’ispettore generale del Tesoro ha concluso che i funzionari hanno agito rapidamente per istituire il programma, ma hanno iniziato ad accettare le domande solo il 4 marzo 2021, ben oltre la scadenza statutaria del 26 gennaio. Al 14 dicembre 2021, 186 istituzioni finanziarie erano state approvate per investimenti di capitale ECIP per un totale di 8,7 miliardi di dollari.

Quali tipi di istituti finanziari possono essere finanziati dall’ECIP?

Il Programma di investimenti di capitale di emergenza (ECIP) è chiuso alle nuove domande dal 1° settembre 2021. Tra le istituzioni finanziarie ammissibili figurano le istituzioni finanziarie certificate per lo sviluppo

sviluppo della comunità (CDFI) e gli istituti di deposito di minoranza (MDI). Inoltre, gli istituti ammissibili dovevano essere assicurati a livello federale e non controllati da una holding bancaria o da una holding di risparmio e prestito anch’essa ammissibile al programma.

Quanto può ricevere un istituto finanziario dal programma ECIP?

Il Tesoro può investire fino a 250 milioni di dollari per istituto finanziario idoneo. Ulteriori limiti sono imposti come segue:

  • Institutions with total assets >2 miliardi di dollari possono ricevere fino al 7,5% delle attività totali;
  • Istituti con attività totali = 500 milioni di dollari possono ricevere fino al 15% delle attività totali; e
  • Istituti con attività totali < $500 million can receive up to 22.5% of total assets.

Perché è stato creato l’ECIP?

L’Emergency Capital Investment Program (ECIP) è stato istituito dal Consolidated Appropriations Act del 2021 per consentire alle istituzioni finanziarie comunitarie a basso e moderato reddito di erogare prestiti alle piccole imprese e ai consumatori colpiti in modo sproporzionato dalla pandemia COVID-19.

Il risultato

L’Emergency Capital Investment Program (ECIP) è un programma di prestiti specificamente mirato per le istituzioni finanziarie a basso e moderato reddito, che aiuta queste entità a fornire prestiti, sovvenzioni e dilazioni alle piccole imprese e ai privati colpiti dalla pandemia COVID-19.

Al 14 dicembre 2021, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti aveva approvato 186 istituzioni finanziarie per erogare fino a 8,7 miliardi di dollari. Sebbene le domande non siano più accettate, l’erogazione dei fondi continua.